Sono stati protagonisti della Liberazione e la Repubblica «ringrazia uomini e donne della Resistenza perché la loro lotta ha consentito la sua nascita». Lo ha detto a Genova il ministro della Difesa Roberta Pinotti consegnando a Palazzo Doria Spinola, la Medaglia della Liberazione a quattordici partigiani e partigiane.

Il Ministro Pinotti a Genova consegna 14 Medaglie della Liberazione ad altrettanti partigiani e partigiane

A Genova e in Liguria la partecipazione alla Resistenza fu molto alta e dopo le prime 189 medaglie della Liberazione consegnate nel 2016 a Palazzo Ducale ne è così stato insignito un altro gruppo di partigiani.

«E’ stata una cerimonia commovente e un momento di grande significato – ha detto Roberta Pinotti – perché a Genova e in tutte le città d’Italia abbiamo consegnato per la prima volta questo riconoscimento ai nostri partigiani e alle nostre partigiane che hanno combattuto per la Liberazione».
Per Marco Bucci, sindaco di Genova, Comune medaglia d’oro al valor militare della Liberazione, e della Città metropolitana, medaglia d’oro al merito civile per l’azione delle sue popolazioni nella Resistenza «questo è un momento importante, un riconoscimento ai valori della libertà e a chi ha speso energie, forze, anni della propria vita, talvolta la vita stessa, per la libertà. Sono state fatte scelte difficili a quell’epoca e ricordarle è un messaggio molto importante anche per oggi, per noi che dobbiamo fare, Genova e la Città metropolitana, scelte difficili e andare verso il futuro. Questo è il messaggio per tutti noi e per le nuove generazioni che dobbiamo raccogliere, perché anche noi dobbiamo lottare per il nostro futuro».

La consigliera metropolitana Laura Repetto ha partecipato alla consegna delle Medaglia della Liberazione in rappresentanza del territorio con grande commozione perché fra i premiati c’era anche suo zio Secondino Valente, partigiano Primo della Brigata Oreste. «È un ragazzo del 1922 – dice – salito in montagna con i partigiani e che ha lottato davvero tanto, rischiando due volte la morte e vedendo molti dei suoi compagni morirgli letteralmente fra le braccia. Quella di oggi è stata un’emozione fortissima per lui come per tutti partigiani protagonisti della cerimonia».

Leggi anche:  FIMA premia i suoi campioni

Dalla Resistenza che ha fondato la Repubblica a quella di fronte agli attacchi di oggi alla nostra libertà. «E’ la resistenza contro il terrorismo – ha detto il ministro Pinotti – ricordando nell’anniversario dell’attacco alle Torri Gemelle del 11 settembre che anche in Europa, nel cuore delle nostre città i rischi sono aumentati. C’è bisogno di un lavoro importante da parte delle forze dell’ordine, delle forze armate, della magistratura, ma c’è anche bisogno che i cittadini non cambino il loro modello di vita. I terroristi vogliono cambiarci, farci diventare paurosi di quello che abbiamo costruito, ma dobbiamo rassicurare i cittadini che non devono aver paura, perché lo Stato lavora per loro».

Anche due partigiani del Levante fra i 14 insigniti

C’erano anche Adelia Pastene di Rapallo ed Emilio Carabbio di Casarza Ligure a ricevere la Medaglia della Liberazione. Le loro interviste esclusive domani in edicola con Il Nuovo Levante.

Nel video a cura di Tabloid la cerimonia di premiazione e la bellissima testimonianza del partigiano Secondino Valente