Gli attivisti del Meetup “Santa 5 Stelle” seguono con attenzione l’estensione del sistema di raccolta differenziata dei rifiuti a tutto il territorio dopo il periodo di “sperimentazione” che aveva riguardato solo una parte della città.

“Differenziata a Santa, chiediamo dei correttivi”

“In quanto sostenitori della strategia “Zero Waste” (zero rifiuti) che mira a considerare il rifiuto una risorsa e non un costo non possiamo certo dirci soddisfatti di come questa amministrazione abbia deciso di gestire la questione”, spiega Patrizia Verderame Russo.

“È indispensabile e indiscutibile che un sistema di riduzione, di riuso e di riciclo venga messo in atto, è segno di civiltà e lungimiranza sia economica che ambientale ma è altrettanto indiscutibile che in questo percorso si sarebbe dovuto tenere conto, come amministratori pubblici delle peculiarità del territorio e delle difformi esigenze degli utenti ascoltandoli preventivamente”.

In accordo con gli abitanti, i rappresentanti di categoria del commercio, degli alberghi e degli artigiani presenti sul territorio nonché le diverse realtà locali,  secondi i Cinque Stelle, l’attuale amministrazione avrebbe dovuto ascoltare, valutare, concordare ed infine dettare alla ditta appaltatrice delle linee guida che rispondessero alle esigenze dei cittadini che pagano il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e non.

Leggi anche:  Per chi cerca lavoro arriva il Recruiting day

“Ci attendiamo correttivi al sistema di raccolta in tempi rapidi, una riduzione importante della Tari e ci diciamo disponibili nei confronti dei cittadini che volessero farci presenti le loro perplessità e difficoltà riscontrate.”