Un incontro con i cittadini e un’uscita alla scoperta del ciclo della spazzatura: sono questi i due eventi programmati dall’amministrazione per questa settimana con l’obiettivo di sensibilizzare sul tema caldo dei rifiuti.

Differenziata a Cogorno: dopo l’incontro l’uscita didattica con i ragazzi del Villaggio del Ragazzo

«L’amministrazione di Cogorno prosegue nella campagna di sensibilizzazione della raccolta differenziata intrapresa nel corso del 2018», scrive l’assessore alla nettezza urbana Sergio Segalerba. Il primo evento si è tenuto nella serata di mercoledì 6 giugno alle ore 20:30 in piazza Aldo Moro: terzo incontro aperto a tutti i cittadini per parlare di raccolta differenziata. «In particolare sono stati presentati i risultati ottenuti con il nuovo sistema di raccolta differenziata introdotto quasi 2 anni fa e si discuteranno tutte le tematiche che si sono dovute affrontare in questo periodo», aggiunge. Tra le altre cose è stata anche l’occasione per fare il punto sulla gara di appalto per il servizio di raccolta unico.

«La Città Metropolitana ci ha risposto che se la Regione nel frattempo non avrà attuato un bacino unico allora si potrà protrarre l’affidamento per atri due anni». L’incontro è stato l’occasione per un confronto aperto con la cittadinanza, con l’obbiettivo di promuovere ed incentivare ulteriormente la raccolta differenziata. «Crediamo che per migliorare ulteriormente i risultati già ottenuti – spiega Segalerba – ,  sia imprescindibile una continua campagna di informazione e sensibilizzazione che riguardi tutte le categorie di utenti, prima ancora di un’attività di controllo del territorio che viene già svolta». L’appuntamento di oggi invece ha coinvolto i bambini: «Abbiamo organizzato una “gita” con due classi delle scuole medie superiori del Villaggio durante la quale percorrere tutto il ciclo dei rifiuti, da casa, dove si produce il rifiuto fino agli impianti di trattamento». Visita agli impianti di Carasco dove si conferiscono plastica, carta e vetro, Caperana dove si conferisce il ferro, ed infine presso l’impianto del Consorzio Rio Marsiglia nei Comuni di Avegno e Uscio. «I ragazzi sono i soggetti più sensibili e attenti agli aspetti ambientali – conclude – , in questo modo crediamo che possano veicolare e trasmettere la loro sensibilità ai genitori e alle persone più anziane che fanno parte dei loro nuclei famigliari». Presenti il sindaco Enrica Sommariva e l’assessore Sergio Segalerba.