Nella bistrattata Fontanabuona ci pensa il sindaco di Neirone Stefano Sudermania a tenere alta la bandiera della cultura grazie ad alcune peculiarità presenti soltanto nel suo territorio. La prima riguarda il castello di Roccatagliata. La seconda, invece, è assurta agli onori delle cronache più recentemente e interessa l’antico borgo di Siestri .

Il borgo di Neirone citato da Dante

Non esistono dubbi, è quello citato da Dante Alighieri  all’inizio della terzina “Intra Sïestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella” in cui il Sommo Poeta racconta l’incontro con Papa Adriano V dei Fieschi, nel XIX canto del Purgatorio.  A sancire il tutto Paola Manni, professoressa di Filologia italiana all’Università di Firenze e vicepresidente dell’Accademia della Crusca. Detto questo non resta che saperne di più di Siestri piccolo borgo abitato sino al primo dopoguerra. Quando gli ultimi abitanti hanno finito per abbandonare il territorio ci vuole poco a immaginare cosa sia successo. Le vecchie case contadine sono diventate ruderi, mentre razze e rovi hanno preso il sopravvento. Ci voleva la Manni a fare riscoprire il borgo. Il Comune ha pulito l’area e approntato una serie di interessanti progetti.

Appuntamento sabato 9 giugno in municipio

Ora il sindaco dà appuntamento per sabato 9 giugno alle 10 in municipio, con lui  saranno presenti il vice sindaco del Comune di Chiavari e assessore alla Cultura Silvia Stanig, l’Accademia  della Crusca e la professoressa Giulietta Vaio Ricci, studiosa di storia locale e socia della Società Economica di Chiavari. Dopo gli interventi di rito ci sarà anche il tempo per fare una capatina nel borgo di Siestri e al Ponte di Dante. Al ritorno rinfresco per tutti in piazza in attesa di rivedersi nel Tigullio. Durante l’incontro, infatti, sarà illustrato l’altro  evento-spettacolo dedicato a Dante Alighieri in programma a Chiavari, sulla sponda dell’Entella, sabato 23 giugno.