Smentito l’impoverimento di bilancio. Le preoccupazioni dell’opposizione restano. Risposta ottimista, all’opposizione, che aveva denunciato pubblicamente i conti «in rosso» del Comune, dove erano rimasti solamente 3mia euro a dicembre.

Bilancio in rosso? Il Comune di Zoagli nega

Lunedì 5 febbraio in consiglio comunale, mancando il sindaco Franco Rocca, (e, per la maggioranza, il consigliere Massimiliano Amantini), sul bilancio ha risposto all’interpellanza, Elisa Terrazzino, segretario comunale: in cassa ci sono 900mila euro. «Hanno detto – racconta il capogruppo di Uniti per Zoagli Rita Nichel – che a dicembre avevano sì solo 3000 euro, ma che aspettavano il gettito Imu di 1900mila euro, quindi è stato solo un incidente di percorso. Sulla mancanza di liquidità, poi, che è dovuta alla normale fluttuazione. Ritengo tuttavia che sia assolutamente grave rimanere con solamente 3000 euro in cassa. Se oggi, infatti, ci sono 900mila euro, lo scorso anno ce n’erano 2 milioni e 3.800mila nel 2015».

Per il consigliere, inoltre ci sono due opere: il sagrato e la pavimentazione di via Romana che sono state finanziate con un Sua: «Ossia – spiega – sono state pagate da privati e per queste opere il Comune deve ancora pagare dai 200 ai 300mila euro. Se togliamo questi pagamenti rimane proprio poco». E chiude: «Inoltre hanno detto che esistono problemi nella gestione dell’area finanziaria, accollando la piena responsabilità̀ ad un loro ex dipedente, ma siccome pare che i soldi ci siano e tanti, ci aspettiamo che riparino subito, per intero, la Passeggiata a mare e non solo i lavoretti già consegnati per 11mila euro, perché la previsione è di più di 200mila. C’è anche l’urgenza di versare la seconda rata di contributo agli asili, dato che la prima l’hanno versata con più di 2 mesi di ritardo».